Una giacca ed è subito primavera

Published by:

Un capo sempre di moda e ideale per la stagione in arrivo: scopriamo tutte le sue varianti.

Tipi di giacca

Il giubbotto da tifosa, sportivo e comodo sta benissimo con una t-shirt e una gonnellina stile liceale. Se, invece, cerchi un accostamento più misurato, allora, pantaloni blu e maglietta saranno perfetti.

Il chiodo femminile di pelle non potrà per niente al mondo mancare nel tuo guardaroba. L’istinto è quello di accostarlo ad un look piuttosto duro: prova, invece, ad abbinarlo ad una maglia a righe sottili o con una stampa colorata, e dei jeans aderenti. Sarai casual ma very chic.

Il cappottino bon ton: il suo taglio sobrio lo rende adatto ad un outfit elegante. Scegli un abitino al ginocchio, avvitato e con lo scollo a barca. Vuoi essere meno signora? Jeans e maglioncino andranno bene ugualemente.

Il bellissimo trench retrò nel classico color beige è un capo molto versatile. Per un tocco di classe abbinalo ad un pantalone ampio ed accessori in tinta. Otterrai un completo pratico ma molto ricercato.

Il doppiopetto militare. Quasi sicuramente ne avrai già uno: di solito è una giacca quotidiana e battagliera ma con un abito aderente e un tacco 10 avrai una nuova interpretazione di un grande classico.

L’impermeabile morbido, con cinta in vita e maniche risvoltabili: è leggero e destrutturato. Rendilo più femminile con una gonna in pizzo e un maglioncino che ne riprenda il colore.

Ai piedi una scarpa sobria, con un tacco basso di giorno e non altissimo di sera.

Si può esser sexy anche in palestra

Published by:

Chi ha detto che  non si possa essere glam e alla moda anche in palestra?

Nulla di più sbagliato: ecco le ultime tendenze che valorizzano le curve e nascondono i difetti.

Superfit

Si chiamano Superfit  e sono leggins creati per celare le imperfezioni. Grazie all’innovativa tecnologia WrUp, che unisce il cotone elasticizzato ad una membrana di silicone, i glutei sono più alti e le cosce più toniche. Inoltre, il tessuto è traspirante e non lascia umidità sulla pelle.

La tecnologia Omni Heat Thermal Reflective avvolge come una guaina senza comprimere: è questo il meccanismo della nuova maglia Columbia, che fa sparire i rotolini, sostiene il seno e rende le braccia più sode. Il nuovo capo trattiene il calore corporeo e basta una giacca antivento per far sport anche a temperature estremamente rigide.

Il top Asics dall’effetto push-up , puoi indossarlo da solo o sotto una canotta di cotone più larga: le coppe preformate sollevano e sostengono il seno mentre il tessuto stretch rende il bra morbido ed aderente.

Pantaloni capri

I pantaloni capri, realizzati in tessuto Drilayer Horsepower, slanciano le gambe e scolpiscono i glutei, la fascia alta e piatta in vita contiene la pancia regalandoti una fantastica taglia in meno. Il modello è doubleface: un lato è di un bel colore vivace con motivi geometrici, l’altro felpato a tinta unita.

Il gonnellino, che sembra la versione moderna di quello da tennis, nasconde un pratico pantaloncino che garantisce un effetto lifting ai glutei ed una compressione specifica per le cosce.

Se vai a sciare…

Published by:

Hai in programma una settimana bianca? Approfittane per trasformarla in una pausa relax e benessere.

Come prepararsi per sciare

Innanzitutto, prepara il corpo con 10 minuti di stretching prima di sciare per allungare i muscoli e metterli in moto.

Se neanche sulla neve vuoi rinunciare al make-up, ecco cosa non dovrà mancare nel tuo beauty-case: un fondotinta liquido per idratare la pelle la su in cima, un ombretto in crema dai colori neutri, quindi beige, panna, azzurro chiaro, ed un mascara waterproof.

Proteggi la tua pelle dai raggi solari, poiché senza la giusta protezione potresti scottarti: se sei molto chiara scegli una crema con fattore protettivo 50 e mettila ogni due ore, se invece il tuo incarnato è mediterraneo, un solare 30 sarà più che sufficiente. In ogni caso applica la crema 15 minuti prima dell’esposizione anche se è nuvoloso.

Nutrirsi bene

Non dimenticare gli snack! Sciare richiede molte energie, per questo porta sempre con te una barretta di cioccolato fondente: oltre ad essere goloso, protegge il cuore durante l’esercizio fisico. Se, stranamente, non ti piace il cioccolato opta per la frutta secca, fonte eccezionale di fibre e grassi naturali, utili per proteggere la pelle dai raggi Uv.

Indossa la mascherina: ora sono super leggere ed hanno le lenti a specchio fotocromatiche dai colori vivaci.

Per rilassarti e tenerti in forma, le ciaspole sono una valida alternativa allo sci.

Una passeggiata sulla neve fresca rassoda i muscoli delle gambe e delle braccia e aiuta a bruciare dalle 400 alle 600 calorie per ogni ora di cammino.

Idee zen per il tuo benessere

Published by:

Inizia la tua giornata con una ricarica energia e serenità: con qualche piccolo suggerimento ti sentirai calma e rilassata pronta ad affrontare le tue sfide quotidiane.

Dalla colazione

Innanzitutto, prepara a colazione il tè matcha, chiamato anche tè della bellezza, è una bevanda di origine giapponese ricca di vitamine B, C e antiossidanti. Si presenta come una polvere verde brillante molto sottile e va preparato nelle ciotole a sospensione, tipiche per le polveri, e non in infusione.

Risveglia il viso con una maschera rigenerante a base di piante preziose usate nella medicina cinese e un cucchiaino di polvere di perle. Sono esattamente questi gli ingredienti della CC Mascque Perefecteur de Teint di Herborist. Provola e noterai subito la differenza.

Stone massage

Se ne hai la possibilità, concediti un trattamento stone massage: è un massaggio per il corpo che si esegue con delle pietre vulcaniche nere riscaldate e applicate su zone strategiche, come la schiena ed il collo, alternate ad altre bianche di marmo, fredde. Oltre a sciogliere le tensioni, ti donerà il buon umore.

Cancella lo stress e ritrova la serenità con alcune essenze calmanti: la gardenia allenta le tensioni, la rosa e il ylang-ylang per diminuire lo stress, la menta per aumentare la concentrazione. Cerca questi profumi e usali come oli essenziali da mettere negli umidificatori dei termosifoni.

Almeno tre volte alla settimana dedicati alla ginnastica giusta, lo stretching zen che stira dolcemente i 12 meridiani del corpo riportando l’ equilibrio energetico e il benessere psicofisico.

Il canone Rai in bolletta: giusto o sbagliato?

Published by:

Il canone Rai in bolletta è l’ultima trovata del governo Renzi per rendere il pagamento obbligatorio per tutti. Dal punto di vista giuridico, è considerata, una norma totalmente sbagliata che potrebbe, quasi sicuramente, scatenare un putiferio. Le polemiche non si placano.

Infatti, questo nuovo meccanismo mischia due ambiti completamente diversi, violando ogni principio di proporzionalità e giustizia. La bolletta della fornitura di energia elettrica, è una tariffa, cioè il corrispettivo per l’erogazione di un servizio di cui abbiamo usufruito.

Il canone Rai, invece, è un imposta nonostante venga spacciato per canone di abbonamento, perchè quando fu istituito nel 1938, lo Stato obbligava a pagare la quota anche a chi viveva nella zone in cui la Rai non arrivava nemmeno. E’ impossibile, quindi, inquadrarlo come la remunerazione di un servizio.

Confondere tariffe per imposte comporta numerosi problemi, tra cui: cosa succede se non si paga? Ci tolgono «legittimamente» la corrente?

Vi è poi l’obbligo, per chi non vuole pagare il canone, di autocertificare, sotto responsabilità penale, di non possedere alcuna televisione. Tutto questo per combattere l’evasione fiscale, dicono. Quindi in Italia, un cittadino può nascondere un castello, svariate auto di lusso e uno yacht, ma non un televisore.

Forse ci si aspettava che il «rivoluzionario» Renzi, si comportasse diversamente. Magari eliminando del tutto quest’imposta sul servizio pubblico televisivo che risale all’epoca del fascismo, e che ancora oggi paghiamo, nonostante ci siano tanti altri canali gratis e più che soddisfacenti.

I trucchi per una buona pizza fatta in casa

Published by:

Certo, la pizza che mangiamo in pizzeria cotta nel forno a legna è insuperabile, ma anche a casa puoi ottenere degli ottimi risultati seguendo qualche piccolo trucchetto della tradizione napoletana.

Secondo le regole doc, si utilizza la farina di grano tenero 00: circa 450 g per un impasto di 850g che ti fornirà 4 pizze da 20-22 cm di diametro.

Ingredienti per la pizza napoletana

Sorpresa: a Napoli non si parte dalla «fontana»  di farina ma dall’acqua. Versane 300 ml in un contenitore e sciogli 16-18 g di sale con i primi 40 g di farina. Unisci un 1 g di lievito di birra fresco, sbriciolato e a temperatura ambiente, ed un cucchiaio d’olio per avere un fondo croccante. Aggiungi il resto della farina poco per volta, impastando con una mano. Quando la pasta non appiccica più trasferiscila sul piano di lavoro e piega e ripiega l’impasto energicamente per almeno 20 minuti. Riponi il panetto ottenuto nel contenitore e fai lievitare per 2-3 ore lontano da spifferi o fonti di calore. Dividi il panetto in 4 e stendi l’impasto nelle teglie con la punta delle dita.

Una volta stese le pizze condisci a piacere. Se il tuo desiderio è quello di mangiare una buona margherita stendi il pomodoro e aggiungi un filo d’olio ma, ricorda che la mozzarella va unita solo negli ultimi 3-4 minuti. Inserisci nel forno già caldo con la temperatura al massimo, di solito arriva a 250°, per circa 10 minuti o comunque fino a doratura del cornicione.

Buon Appetito!

Lo stomaco in fiamme: curarsi con le erbe

Published by:

Quando le pareti dello stomaco s’infiammano compaiono acidità, nausea e crampi. In questi casi, alcune piante possono essere di grande aiuto.

La gastrite, causata da diete squilibrate, stress, eccessiva assunzione di caffè o abuso di sigarette, può essere combattuta con alcuni alleati naturali che doneranno sollievo allo stomaco da fastidiosi dolori e bruciori.

Erbe singole

Per esempio, il fico è utile per tutti i problemi psicosomatici del tratto gastrointestinale.

Il macerato di questa pianta riduce e regolarizza le secrezioni dei succhi gastrici.

Bisogna assumerne 50 gocce in due dita d’acqua prima di dormire per 20 giorni al mese, per tre mesi consecutivi.

Un’altra amica dello stomaco è la valeriana rossa: quando si presentano i primi sintomi prendete 30 gocce in due dita d’acqua prima di pranzo e 50 prima di coricarvi, per un mese.

Combinazione di erbe

Può dar sollievo anche l’azione combinata di più erbe. Provate le tinture madri di melissa e issopo: versate 20 gocce in poca acqua prima di pranzo e prima di cena per un mese, in primavera ed autunno. La melissa rilassa, l’issopo regolarizza la funzionalità dello stomaco.

Per porre rimedio ai danni causati da una cena abbondante vi saranno utili 30 gocce di tintura madre di ananas in due dita d’acqua: essa è ricca di enzimi che facilitano la digestione.

Una buona abitudine per chi soffre spesso di gastrite, è quella di bere una tazza di infuso di alloro dopo pranzo: lo otterrete con 20 g di foglie fresche o secche in infusione per 10 minuti in mezzo litro d’acqua bollente.

Fatti salienti del 2015

Published by:

Quest’ultimo è stato un anno di ricco di eventi positivi e negativi, alcuni davvero catastrofici, come il terremoto in Nepal o le stragi di Parigi.

Il comune denominatore fra tutti i mesi del 2015 è stata l’emergenza profughi: quasi ogni giorno c’è stata una nuova tragedia in mare. E come se non bastasse, da quest’ anno le orde di profughi sono giunte anche via terra trascinandosi da un confine all’altro prima della loro chiusura. Ma l’immagine del piccolo Aylan, il bimbo siriano trovato morto su una spiaggia turca, ha pietrificato il mondo.

In Francia si è chiuso il 21° Summit mondiale sul clima, i cui propositi sono quelli di fronteggiare l’emergenza inquinamento del pianeta, staremo a vedere.

Isis

L’Isis avanza imperterrita e feroce: il 13 novembre ha colpito Parigi e così, tutta l’Europa, minacciando la libertà e la serenità dell’intero Occidente. Da allora siamo in guerra e questo stato di allerta continuerà per chissà quanto altro tempo ancora.

Sport italiano

Notizie positive: la finale degli U. S. Open Vinci -Pennetta. Una finale tutta italiana in terra americana. Roberta Vinci batte in semifinale Serena Williams, e Flavia Pennetta ha trionfato sull’amica in finale.

Giubileo

Il papa, in barba ai moralisti che volevano annullare il Giubileo, ha continuato per la sua strada dando inizio all’Anno Santo, persino, 10 giorni prima in Africa durante una sua visita nella Repubblica Centrafricana.

Matrimoni gay

L’Irlanda ha detto sì ai matrimoni gay, e la regina Elisabetta d’Inghilterra ha festeggiato il record di regnante più longeva del Regno Unito.

La zuppa e le sue varianti

Published by:

La zuppa, magari con della carne e del pesce, è un ottimo piatto unico.

Gustosa ma leggera, la zuppa può avere mille varianti, tutte ottime.

Per ottenere una buon consommè si parte ovviamente da un buon brodo vegetale fatto con pomodori, sedano, carote, cipolla, zucchine, limone e  una spolverata di zenzero.

Lasciate bollire per qualche ora: vedrete che piano piano il brodo si ritirerà, cambierà colore e corposità. A quel punto avrete un’ottima base per dare libero sfogo alla creatività: cosa aggiungiamo?

Prova la zuppa con i gamberi

Frulla in un mixer semi di cumino e coriandolo tostati, delle mandorle tostate, peperoncino, un pizzico di zenzero e il brodo vegetale. Metti il composto ottenuto in un tegame con del latte di cocco e altro brodo vegetale e fai cuocere per 40 minuti. Filtra il brodo, aggiungi i gamberi e i vermicelli: cuoci fin quando la pasta sarà cotta. Servi in piccole zuppiere e decora il piatto con germogli di soia o delle foglioline di menta.

Riso basmati, con soia e verdure

Metti a bagno la sera prima dei fagioli borlotti. Sciacquali e trasferiscili in una pentola con un trito di carote, patate, sedano, cicoria e zenzero. Aggiungi il brodo vegetale e lascia cuocere per un’ora e mezza. A parte prepara un pesto con basilico, lime, un pomodorino, coriandolo e qualche cappero: aggiungilo al brodo con i fagioli insieme al riso basmati. Porta a cottura aggiungendo un po’ di salsa di soia e del peperoncino.

L’ultima tendenza make-up: il bronzo

Published by:

Le ultime tendenze make-up vedono il color bronzo in primo piano: è una tonalità calda ed avvolgente che sta bene sia alle bionde che alle castane.

Trucco bronzo: tutti i consigli

Per realizzare un trucco bronzeo e prezioso ti servono prodotti dalle nuance calde e metallizzate e texture splendenti. Vediamo insieme come fare.

Innanzitutto ti occorre un fondotinta di un tono più caldo della tua pelle: stendilo con un pennello o con le dita, se ti è più facile, dal centro del viso verso l’esterno. Passa un velo di cipria per fissare la base: compatta o a boule non importa, l’importante è che contenga microparticelle iridescenti per illuminare il volto.

Per gli occhi scegli un ombretto bronzo, rame, terracotta o ocra per  realizzare uno smokey eyes non troppo impegnativo da esibire anche di giorno.

Se preferisci la matita all’ombretto, traccia una sola linea, lunga e dritta, sulla palpebra superiore e sfumala su quella inferiore: in questo modo darai pronfondità allo sguardo.

Per un evento particolare prova il mascara glitterato: prima stendi quello nero poi, solo sulle punte, applica un top coat glitter oro. Sarai scintillante.

Con un make-up bronze, le labbra si colorano di tinte intense e sensuali. Scegli i rossetti che vanno dal rosso carminio al bourdaeux in texture opache.

Per lo smalto hai due alternative: puoi applicare uno color bronzo dall’effetto metal o optare per disegnini neri e dorati. In entrambi i casi le unghie non devono essere eccessivamente lunghe o geometricamente squadrate: adesso va la forma a mandorla.