Category Archives: Tutto lo Sport

Sport con la G: quali sono? ecco l’elenco completo

Published by:

Praticare uno sport è il sogno di molte persone e anche bambini, l’attività fisica rende molto anche durante il periodo scolastico perché aiuta il cervello a non pensare e a liberarsi di tutto lo stress accumulato durante la settimana, inoltre anche il corpo ne giova molto. L’esercizio fisico aiuta il corpo a rafforzare i muscoli e anche a dimagrire con i vari e diversi programmi che si richiedono al momento dell’iscrizione. Vediamo un elenco di sport che iniziano con la lettera G.

Continue reading

15 sport più famosi: quali sono, qual è lo scopo di ogni sport?

Published by:

Scegliere un’attività sportiva per se stessi o per i figli non è mai facile, soprattutto se si vogliono fare sport differenti.

altri invece preferiscono guardarlo fare agli altri comodamente da casa propria, fare sport è importante per la propria salute personale e anche per poter imparare a socializzare con altre persone.

Questo documento sui 15 sport più famosi aiuterà non solo nello scegliere un’attività sportiva ma anche a capire qual è lo sport più famoso e la maggior parte delle volte, più scelto per iniziare per fare movimento e anche a capire qual è lo scopo del gioco.

Continue reading

Bowling: storia, regole campioni italiani

Published by:

Bowling

Il bowling non è solo un passatempo, ma anche una disciplina sportiva molto famosa tra giovani, adulti e anche cinquantenni, infatti i grandi campioni sono i quelli con più esperienza e che hanno alle spalle molte partite e hanno capito con quale tipo di palla può andare bene un tiro.
Nel bowling il vincitore non è colui che fa cadere i birilli con più tiri, ma chi, con un solo tiro, riesce a farne cadere la maggior parte o proprio tutti, è un ottimo passatempo per amici e per la famiglia.
Scopriamo di più su quando è stato inventato questo gioco, quali sono le regole da rispettare e quali sono i più grandi campioni di questo sport.

Storia

Questo gioco fu inventato nell’Antico Egitto, a seguito di alcuni disegni che raffiguravano questo una partita a questo sport.
Anche in Germania, nel 300 d.C., vennero ritrovati degli scritti e dei documenti in cui si praticava il bowling ma era puramente a scopo religioso, infatti i birilli usati raffiguravano figure demoniache e con una palla bisognava farli cadere tutti.
Altri documenti invece raccontano che nel 500 era un semplice gioco contadino e veniva chiamato “Borella”.
Ora che questo sport è stato perfezionato è uno dei più giocati anche senza un’adeguata preparazione, infatti è accessibile a tutti.

Regole

Per poter giocare a questo gioco è importante cambiare le scarpe, il pavimento è molto lucido e fatto di un particolare parquet molto costoso e molto usato per questo gioco.
È severamente vietato camminare lungo tutta la pista con la palla in mano, che è lunga 18 m e separati da due canali che portano la palla fuori gioco, per colpire i birilli più da vicino, non è sportivo e anche il pavimento è ricoperto da una sostanza oleosa che aiuta a far muovere la palla.
I birilli sono 10 e quando vengono colpiti tutti in una volta sola si usa una parola tecnica “Strike”, quando capita questo risultato può capitare che si vinca un tiro gratis.
Quando i birilli vengono buttati giù con soli due tiri la parola usata è “Spare”.
Quando invece si fanno 2 Strike sia nel primo che nel secondo turno si dice “Doble”, se invece gli Strike si fanno in 3 turni si usa la parola “Turkey”, “Clover” quando capitano 4 Strike di fila.
Oltre a stare attenti alle scarpe e alla pista oleosa, anche la palla che viene scelta dev’essere ben calibrata, esse vendono date 2 dello stesso peso per non litigarsele durante la giocata e anche l’attesa.
Vanno dai 10 fino ai 18 kg, sono tutte diverse e colorate tranne per i buchi con cui viene affettata, una palla più piccola tenderà a stringere di più le dita della persona e tirare male quando sarà il turno suo.
Utile ricordarsi che più pesante è la palla più si ha la possibilità che vada dritta verso i birilli, inoltre una palla più leggera tenderà a scivolare verso i lati e cadere due canali che separano la pista l’una dall’altra.
Se le persone non sono ben allenate c’è sempre un addetto che può aiutare.

Campioni italiani

Nel 2001 il bowling è entrato nei giochi mondiali, che non comprende le Olimpiadi, il primo campione italiano di bowling è stato Marco Reviglio nel 2007.

Sport con la A: Elenco completo

Published by:

Fare sport non solo rilassa e allena i muscoli, ma aiuta il cervello ad assimilare più informazioni anche riguardanti lo studio scolastico.

Molti scienziati hanno studiato e scoperto che un’atleta sportivo riesce a studiare meglio quando riesce a fare movimento fisico perché rilassa corpo e mente che è più libera e rilassata al posto di un ragazzo che sta molte ore sui libri senza muoversi.

L’attività sportiva è importante soprattutto se si fa quella preferita e che si è sempre desiderato di fare, vediamo quindi in questo documento un elenco di tutti gli sport che iniziano con la lettera A e qual è il loro scopo.

Continue reading

Sport con la lettera L: ecco quali sono e come si gioca

Published by:

Lo sport ha una serie di attività da scegliere per provarle e anche iniziare a praticare per diventare un professionista nella disciplina scelta, poi se questo sport è a squadre può favorire la coalizione e la nascita di nuove amicizie tra atleti.

Poi per alcuni sport la fase finale sta nella partita per qualificarsi campioni oppure fare uno spettacolo davanti a un pubblico che assiste le diverse performance degli atleti e per alcune attività sportive i giudici controllano se uno o diversi atleti sono pronti per partecipazioni più grosse come le olimpiadi.

In questo documento elencheremo una serie di sport che hanno come iniziale la lettera L e vedremo come si svolgono.

Continue reading

Come fare la spaccata: preparazione e tecnica

Published by:

Nella danza ogni ballerina non balla sul palco, ma vola. Fa movimenti fluidi ed eleganti come se si librasse nell’aria e sembra che sia tutto così facile, come se ci fosse nata ballando, ma è tutta una questione di pratica, duro esercizio e una buona dose di forza di volontà. Un’altra cosa che è bello vedere durante il balletto classico sono i costumi usati, i tutù eleganti e colorati a volte possono far capire che tipo di ballerina è, per esempio il bianco spesso lo usano le bambine del primo anno di danza mentre quello nero è delle ballerine dell’ultimo anno o anche le maestre.        Alcuni dei movimenti invidiabili che loro fanno solo le spaccate laterali e dritte.

Continue reading

Twirling: in che cosa consiste la disciplina sportiva

Published by:

La disciplina ginnico-sportiva Twirling consiste in una pratica sia individuale, sia a coppie o di squadra, femminile e maschile caratterizzata dall’impiego di un bastone in armonia con i movimenti del corpo seguendo la base musicale di un brano, particolarmente conosciuta a livello mondiale. Ma quali sono le regole del Twirling e come si svolgono le varie competizioni? Continue reading

Il biliardo: che tipo di gioco è, come si gioca?

Published by:

Il gioco del biliardo è un’attività che molti bar e locali hanno e possono mettere a disposizione della clientela per passare qualche pomeriggio insieme e imparando a fare qualcosa di diverso e nuovo allo stesso momento.

Ovviamente come ogni gioco che si rispetti ha una serie di regole da seguire perché l’imbroglio non è molto tollerato, e non è da considerare nemmeno illegale.

È uno dei giochi che si è usato anche in antichità, e ora è da considerare anche come attività sportiva perché vengono organizzati incontri e campionati in diretta televisiva. Continue reading

Champions League: Juventus e Roma pronte alla battaglia

Published by:

Ritorna la Champions League con il 4° appuntamento della stagione che vede scendere in campo Juventus e Roma. Questa sera toccherà alla Juventus rendersi protagonista di una grande gara, mentre la Roma sarà di scena all’Olimpico mercoledì sera.

Come dicevamo la Juventus, anche se in testa al girone, si trova ad affrontare una difficile partita contro il Borussia M’Gladbach di Schubert che arriva a questo match in grande forma. È pur vero che i bianconeri guidano la classifica del girone dall’alto dei loro 7 punti in tre partite, ed ora hanno addirittura l’opportunità di chiudere i giochi qualora uscissero indenni da questa trasferta tedesca ed allo stesso tempo il Manchester City riuscisse a vincere in quel di Siviglia contro Llorente e compagni. Continue reading

Top e flop di Serie A dopo l’ultimo week-end calcistico

Published by:

Con il posticipo tra Chievo e Napoli è terminata anche la nona giornata di campionato.

Andiamo ad analizzare chi sono stati i migliori e i peggiori di questo turno appena concluso.

TOP

  1. Paulo Dybala (Juventus): finalmente una prova maiuscola da parte dell’argentino, che per la prima volta da quando veste la casacca bianconera ha fatto vedere di valere tutti quei soldi spesi dai bianconeri per lui. E’ lui ad aprire le marcature nella partita vinta contro l’Atalanta con un sinistro dal limite dell’area la cui traiettoria ha colto di sorpresa il portiere Sportiello. Ed è sempre lui a fornire l’assist per il raddoppio siglato da Mandzukic e a procurarsi un calcio di rigore, poi sbagliato da Pogba.
  2. Felipe Anderson (Lazio): dopo la rete, inutile, nella scorsa gara contro il Sassuolo, il brasiliano si ripete anche contro il Torino, mettendo a segno questa volta una doppietta che rende ancora più pesante il passivo per i granata. Ha ancora molti margini di miglioramento, almeno per quanto fatto vedere la scorsa stagione, ma quello che conta per i tifosi biancocelesti è che il fenomeno brasiliano stia tornando più o meno a quei livelli.
  3. Soriano-Eder-Muriel (Sampdoria): un gol e un assist per tutti e tre i moschettieri blucerchiati nella netta vittoria per 4 a 1 contro un Verona sempre più in crisi. E’ l’ex attaccante dell’Udinese ad aprire le marcature, seguito a ruota da Zukanovic su splendido traversone di Soriano. Ed’ è lo stesso trequartista a chiudere definitivamente i conti dopo un cioccolatino di Eder. Infine è la volta proprio dell’italo-brasiliano, assistito alla perfezione da Muriel. Insomma, i tre hanno fatto il buono e il cattivo tempo, riportando al successo la Samp dopo la sconfitta a sorpresa della scorsa settimana contro il Frosinone.

FLOP

  1. Nicola Leali (Frosinone): clamorosa la papera con cui il portiere del Frosinone consente all’Udinese di vincere il match. La punizione calciata da Lodi, uno specialista del settore, è tutt’altro che pericolosa, ma la traiettoria del pallone ha tratto in inganno l’estremo difensore ex Cesena che proprio non riesce a colpire la sfera che poi va a finire alle sue spalle. Grave l’errore di Leali, che dopo l’opaca esperienza della scorsa stagione con il Cesena, non riesce a confermare tutto quello che di buono viene detto sul suo conto.
  2. Andrea Consigli (Sassuolo): a proposito di portieri… Pure l’estremo difensore del Sassuolo la combina grossa nel match del Meazza contro il Milan. E’ lui infatti a causare il rigore per un’uscita avventata su Bacca, che poi ha anche trasformato il penalty. Nell’occasione l’ex portiere dell’Atalanta viene pure espulso, lasciando i suoi in 10 uomini per buona parte del match. Dal replay si è notato che forse la decisione dell’arbitro è stata esagerata, ma comunque a velocità normale il rigore poteva essere anche dato. Insomma, oltre il danno pure la beffa.
  3. Jeison Murillo (Inter): anche il difensore colombiano è stato espulso forse in maniera ingiusta. Nella trasferta contro il Palermo, infatti, l’ex Granada ha ricevuto un cartellino rosso per somma di ammonizioni per un fallo, se tale può essere definito, su Vazquez. Le immagini sono chiare: Murillo non ha colpito il trequartista rosanero, il quale si è lasciato cadere con un tuffo plateale. Ma, come nel caso di Consigli, a trarre in inganno l’arbitro è stata la dinamica dell’azione: a velocità normale e senza replay poteva starci il fallo e la conseguente ammonizioni. Quindi alla fine l’errore lo ha commesso anche il colombiano, che poteva tranquillamente evitare di intervenire in quella maniera sapendo di avere sulle spalle già un cartellino giallo.