Camera iperbarica Ravenna: ecco in quale centro viene usata e a cosa serve?

Molti pazienti che si trovano in ospedale hanno bisogno di particolari cure e anche esami, soprattutto se hanno subito incidenti da poco tempo ed i medici devono fare in modo che la persona in questione non soffra troppo.

Molte patologie però hanno bisogni di reparti specifici e anche cure altrettanto mirate al benessere della persona malata, per questo necessitano di essere spostate non solo da un reparto all’altro ma anche da un ospedale e varie cliniche e viceversa.

Molti centri sono specializzati solo per determinate cure e malattie, ad esempio a Ravenna è presente il miglior centro iperbarico per l’uso dell’ossigenoterapia e per la cura di patologie che interessano i polmoni oppure chi svolge attività sportive subacquee e deve tenere sotto controllo i polmoni.

Ecco in quale centro viene usata

Il centro iperbarico di Ravenna si trova in Via A. Torre 3.
Il numero di telefono per richiede informazioni e consulenza è: 0544 500148.

A cosa serve?

La camera iperbarica è una speciale stanza, sia con varie sedie che con due particolari letti al proprio interno, che ha la capacità di decompressione, ovvero riesce a supportare la pressione d’aria al proprio interno, che è superiore a quella atmosferica e naturale, per questo viene chiamata “iperbarica”, e permette di sottoporre le persone al loro interno che per varie patologie o attività, necessitano di essere sottoposte ad un trattamento iperbarico di decompressione.

Una volta all’interno, i pazienti vengono sottoposti ad un trattamento fatto con aria compressa ed ossigeno puro che permette non solo di respirare ma anche di curare la persona.

Le diverse patologie che necessitano di questa cura in questa speciale camera sono:

  • avvelenamento da monossido di carbonio;
  • ustioni gravi;
  • ascesso cerebrale;
  • ferite da radiazione;
  • malattia da decompressione;
  • cancrena gassosa;
  • lesioni da schiacciamento;
  • lesioni da schiacciamento e sindrome compartimentale
  • embolia gassosa;
  • osteomielite cronica refrattaria;
  • anemia severa;
  • infezioni necrotizzanti;
  • ulcere cutanee;
  •  ferite che non guariscono;
  • innesti cutanei.

Ha molti benefici per i pazienti ma bisogna sempre stare attenti alle varie pericolosità che possono accadere nell’uso di questa camera, nel corso della storia si sono scatenati vari incidenti a causa di malfunzionamenti e cortocircuiti che hanno causato gravi danni alle persone e anche all’intera clinica.

La maggior parte delle volte però la causa principale è proprio l’ossigeno dato che è una dei principali gas da usare per guarire le persone, un’alta concentrazione potrebbe causare un grave disastro nell’ambiente iperbarico.

Esso è un comburente che permette la combustione dei materiali combustibili, col tempo poi il gas è stato cambiato, non viene usato più l’ossigeno puro ma solo l’aria compressa, inoltre fino agli anni ’60 molte sedie e letti non erano fatti con i materiali di ora, tutto era più combustibile ed infiammabile, mentre ora è le sedie ed i letti sono più sicuri.

Questa speciale camera non viene solo usata per le persone incidentate, ma vengono anche usate in ambito sportivo, soprattutto per le attività subacquee come i sub, fare qualche seduta permette di controllare i vari requisiti della persona che vuole intraprendere quest’attività sportiva e la sua resistenza, riesce a capire l’idoneità della persona ed i medici effettuano anche uno screening.