Il biliardo: che tipo di gioco è, come si gioca?

Il gioco del biliardo è un’attività che molti bar e locali hanno e possono mettere a disposizione della clientela per passare qualche pomeriggio insieme e imparando a fare qualcosa di diverso e nuovo allo stesso momento.

Ovviamente come ogni gioco che si rispetti ha una serie di regole da seguire perché l’imbroglio non è molto tollerato, e non è da considerare nemmeno illegale.

È uno dei giochi che si è usato anche in antichità, e ora è da considerare anche come attività sportiva perché vengono organizzati incontri e campionati in diretta televisiva.

Che tipo di gioco è?

Dato che le partite si svolgono su un tavolo rivestito di un tessuto, il più conosciuto è quello verde, morbido al tatto, e ai due lati più lunghi del tavolo sono presenti 6 buche, 3 a destra e 3 a sinistra, è da considerare “un gioco da tavolo”, ovviamente avere questo gioco non è da tutti perché bisogna avere sia uno spazio in casa e sia perché acquistarlo e curarlo costa parecchio, se non si possiedono queste cose è molto più utile ritrovarsi tra amici e recarsi a un locale dov’è possibile giocarci.

È composto da 15 palle numerate e colorate in due modi diversi:

  • piene: o “basse” vanno dalla numero 2 alla 8;
  • strisce: o “rigate” oppure “alte” vanno dal numero 9 alla 15.

Una a parte è sempre bianca, ed è questa la più importante da usare nel gioco; per mandarle nelle diverse buche occorrono delle stecche di legni, anche il materiale di cui è rivestito il tavolo aiuta parecchio, perché serve a rende la traiettoria del tiro lineare e dritto, reggendo bene agli urti che potrebbero avvenire sulle sponde del tavolo.

Ci sono 3 diversi tavoli e rispettivamente 2 tipi diversi di regola da usare:

  • Biliardo senza buche: chiamato anche “biliardo internazionale“, in cui il tavolo è senza buche, le palline da usare sono ridotte e il tavolo è riscaldato.
  • Biliardo a buche strette: le buche sono composte da una rete al loro interno che accolgono le palline che i giocatori mandano al loro interno , ma ne contengono solo un numero limitato.
  • Biliardo a buche larghe: chiamato anche “biliardo americano” è quello più diffuso, all’interno del gioco ci sono delle serie di canali che portano le palline imbucate in uno scompartimento a uno dei 4 lati del tavolo da dov’è possibile recuperarle.

Come si gioca?

Il gioco più conosciuto si chiama “Eight Ball Pool ” e si svolge sul tavolo a buche larghe, lo scopo è quello di infilare tutte le palline nelle buche ma se anche quella bianca ci entra è da considerare fallo, come anche un tiro a vuoto, cioè se la palla non colpisce nessuna pallina colorata, oppure se si mette in buca una dell’avversario.

A turno i 2 giocatori, o anche 4 dato che si può fare a turno, devono imbucare le palline che si sono scelte all’inizio della partita: quando la palla bianca “rompe” il triangolo delle palle e una già finisce in una buca, tra piene e strisce, e  si continua così senza però toccare la palla n°8, quella completamente nera.

Se per sbaglio viene imbucata prima vince l’avversario.

Palla 9” in questo caso si utilizzano soltanto le palle che vanno dalla 1 alla 9, lo scopo è mandarle in buca seguendo il numero crescente delle palle e dei numeri: 1, 2, 3,…

14-1 continuo” chiamato anche “Straight Pool“, dura un po’ di più rispetto ai primi due, non si esegue un ordine specifico per mettere le palline in buca e l’ultima bisogna eseguire una spaccata.